ISISS - Homepage

Presidenza e amministrazione
Via Martiri di Cefalonia 14 
43017 San Secondo (PR)
Tel: 0521/871536-871593
Fax:0521/871586
Email:PRIS00200Q@istruzione.it
Email:info@poloagroindustriale.gov.it

PEC:pris00200q@pec.istruzione.it
Codice meccanografico: PRIS00200Q
C.F.: 92023930347
Codice Univoco: UFZ0BS
Codice IPA: istsc_pris00200q
Vedi Mappa
separatore

ITIS - G.Galilei

Via Martiri di Cefalonia 14
43017 San Secondo P.se (PR)
Tel:0521871536 - 0521871593
Fax:0521871586
Email:itis@poloagroindustriale.gov.it
Codice meccanografico: PRTF002018
Vedi Mappa

separatore

ITAS - F.Bocchialini

Viale Piacenza 14
43126 Parma (PR)
Tel:0521995616
Fax:0521982144
Email:itas@poloagroindustriale.gov.it
Codice meccanografico: PRTA00201G
Vedi Mappa

ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA

Gli studenti del Galilei ripercorrono i luoghi delle battaglie  sull’altopiano di Asiago


E’ stata un’esperienza significativa ed emotivamente coinvolgente quella che, all’inizio di novembre, hanno vissuto gli studenti delle classi quinte, visitando i luoghi della Prima Guerra Mondiale sull'altopiano di Asiago. Accompagnati  dai loro docenti di storia e da una guida, il Signor  Covolo,  hanno potuto conoscere luoghi di grande rilevanza storica, passeggiando lungo trincee di montagna, entrando in tunnel scavati nella roccia, sulla linea di quello che fu il fronte della difesa italiana nella pianura vicentina durante la Grande Guerra.
Tra Monte Lemerle, Val Magnaboschi e Monte Zovetto si combatterono nel 1916 alcune delle più feroci battaglie della Grande Guerra sull’Altopiano, grazie alle quali il nostro esercito riuscì a fermare l’avanzata della Strafexpedition verso la pianura. Qui l’itinerario ha previsto  la visita di due cimiteri di guerra: quello italiano, una distesa di pali bianchi  tagliati, simbolo delle vite spezzate dei giovani militari, e quello inglese, infatti,  dall’aprile del 1918, la zona fu presidiata dalle truppe britanniche, che riuscirono a contenere l’offensiva austriaca; a loro si deve la realizzazione del sistema di profonde trincee, postazioni blindate e ricoveri ancora oggi visibili.
Di forte impatto emotivo  è stata la visita delle classi  al Sacrario militare di Asiago, che accoglie migliaia di soldati morti durante la guerra.

Davanti al cancello un nostro alunno ha dato lettura di una commovente lettera scritta dal soldato Ferrero poco prima di morire e ritrovata parecchi anni dopo la sua morte sul corpo di colui che l'avrebbe dovuta consegnare alla sua famiglia. I ragazzi  sono rimasti toccati dalle parole di dolore, nostalgia, affetto consegnate alla carta mentre la vita fuggiva .

A chiusura del viaggio di istruzione la visita al museo della Prima Guerra mondiale ha consentito alle classi di osservare da vicino e rendersi conto di numerosi mezzi di difesa ed offesa e della logistica necessaria per mantenere in piena efficienza due masse contrapposte, di 300.000 uomini ciascuna, schierate sull'Altopiano di Asiago durante tutta la guerra.

Aggirarsi tra gli oltre 5000 reperti esposti  è stata per gli alunni un’esperienza fondamentale e utilissima per  entrare in contatto con una realtà molto lontana nel tempo e  per molti versi incomprensibile, per colmare lo iato tra passato e presente.

 

12235101 10205253943696894 1333753119357109187 n12239533 10205253942256858 938772629893076104 n12243008 10205253943016877 672624356631679164 n12243499 10205253942856873 7665841525983694774 n